Search 82,931 tutors
FIND TUTORS

I like my students!

(unpublished)

 Final test for Italian students at the end of high school attendance

Sillabo 2014
La complessità dei quesiti sarà maggiore per il secondo biennio e quinto anno, e crescente ai vari livelli di prova.
 
Ortografia
Quesiti che implicano il saper
1. riconoscere e usare la grafia delle parole e in particolare l’uso dell’accento, dell’apostrofo, delle doppie e dei trigrammi, e dei grafemi “h” e “i”;
2. riconoscere e usare i principali grafemi stranieri.
 
Interpunzione
Quesiti relativi a
1. funzione e uso dei principali segni interpuntivi (punto, virgola, due punti, punto e virgola, punti intonativi – esclamativo e interrogativo – e virgolette).
 
Morfosintassi
Quesiti riguardanti
1. le principali categorie di analisi del nome e dell’aggettivo (genere, numero, alterazione, composizione, derivazione), del verbo (coniugazione, modo, tempo, persona, numero, forma attiva, passiva e riflessiva, transitività o intransitività);
2. i pronomi;
3. le preposizioni, le congiunzioni, gli avverbi;
4. le componenti della frase semplice (soggetto, oggetto diretto e indiretto, attributo, apposizione, principali complementi, ecc.);
5. la struttura della frase complessa distinguendo
a. le frasi principali dalle frasi dipendenti (subordinate),
b. la forma di esplicitazione delle subordinate (implicite/esplicite),
c. i principali tipi di subordinata.
 
Lessico
Quesiti riguardanti
1. le principali relazioni tra significati (sinonimia, antonimia, gradazione, iperonimia/iponimia, parte-tutto);
2. formazione delle parole;
3. uso del lessico in rapporto a varietà e registri;
4. significato delle parole dell’italiano di base e dei principali tecnicismi.

Testo
Quesiti che richiedono il saper
1. riconoscere in un testo i principali connettivi e la loro funzione;
2. riconoscere e analizzare meccanismi di coesione del testo (riprese pronominali, riprese con sinonimi, o altre relazioni semantiche; concatenamento dei tempi verbali, ecc.) in modo da riordinare parti di un testo date in un ordine diverso da quello originario;
3. riconoscere e analizzare le parole tematicamente rilevanti di un testo;
4. riconoscere i testi in base alla loro tipologia essenziale (narrativi, descrittivi, regolativi, espositivi, argomentativi);
5. analizzare e giudicare la pertinenza e l’adeguatezza comunicativa di espressioni e messaggi; linguistici in base al contesto di realizzazione (situazione, argomento, scopo, destinatario, registro);
6. riempire un testo con lacune (cloze), scegliendo fra proposte date;
7. analizzare e riconoscere le forme più elementari di verso (ad es. settenario, endecasillabo) e le principali rime;
8. riconoscere i principali traslati (ad es. metafora, metonimia, litote, iperbole).
Per la gara nazionale saranno previste anche prove a risposta aperta come
9. riformulare discorsi e testi producendone sintesi lineare (riassunto) e non lineare (schemi);
10. riempire un testo con lacune (cloze) senza proposte fra cui scegliere;
11. riformulare semplici testi letterari nella loro parafrasi letterale;
12. descrivere il contenuto di immagini che saranno proposte;
13. progettare e scrivere semplici testi funzionali (ad es. avvisi, biglietti, istruzioni per l’uso, lettere private e pubbliche, e-mail, schede informative, relazioni su argomenti di studio, trafiletti, articoli di cronaca);
14. produrre brevi testi in cui occorre descrivere, narrare o argomentare in base alla propria esperienza personale, in modo guidato e parzialmente vincolato (ad esempio a partire da un testo stimolo o da un incipit dato)

Course for Italian Lower Intermediate (e.g.)

Entry level: A1+/A2 of the Common European Framework (see link)http://europass.cedefop.europa.eu/en/documents/european-skills-passport/language-passport/examples    (italiano/examples)

By the end of the course students should be able to perform at level B1 of the Common European Framework.
By the end the students will be able to use the language for various everyday purposes and will have a better grasp of the grammatical structures listed above.
The course is flexible and will be adjusted to meet the group’s needs at each stage.
Coursebook and location will vary to fit students need.

Aims:
This course aims to enable the students: 
to develop the skills of listening, speaking, reading and writing in areas related to a range of situations encountered in everyday life;
develop an insight into the language, society and culture;
communicate orally in most situations likely to arise when travelling in Italy

Communicative goals
Talking about past actions and events 
Specifying quantities
Talking about food
Shopping for food
Shopping in specialty stores
Handling and changing money
Ordering food and drink
Describing actions
Cooking and sharing recipes
Talking about things you used to do
Describing actions, situations, people, and things in the past
Talking about hobbies
Talking about sports
Talking about the future
Discussing vacations
Talking about routine daily activities
Discussing illness and visits to the doctor
Comparing people, places, and things
Buying clothing and talking about fashion
Expressing wishes and requests politely
Giving commands

Grammar
Revision and reinforcement of present perfect
The partitive
Ne and Ci
Direct object pronouns
Agreement of direct object pronouns with past participles
Indirect object pronouns
Combined pronouns
Impersonal si
Revision of imperfect
Imperfect vs present perfect
Future tense
Conditional tense
Disjunctive pronouns
Comparative and superlative
Imperative

Communicative goals
Expressing desires, opinions, emotions, and doubts
Talking about professions and the workplace
Discussing means of transportation
Describing past actions
Making travel plans
Taking a train or plane
Expressing doubts, opinions, and emotions about past events
Making negative statements

Grammar
Impersonal expressions
Present Subjunctive
Imperfect Subjunctive
Congiunzioni (benché, affinché, purché, etc.)
Past subjunctive
If clauses (first and second type)
Learning outcomes
 

Motivazioni per lo studio dell' Italiano(risposte di studenti di una scuola di lingua a Firenze)

 
Arte, sapori e colori, la gente, la cultura, la moda e la musica, ma soprattutto la musicalità di una lingua che – la si conosca o
meno – viene percepita come “la più bella del mondo”.
Sono i dati di un sondaggio sulle motivazioni che spingono a studiare l’italiano, condotta dalla scuola di lingua e cultura italiana
“Torre di Babele” fra i suoi studenti che hanno frequentato un corso di lingua negli ultimi 5 anni.
Il sondaggio ha riscosso grande partecipazione ed entusiasmo.
Lo testimoniano i dati raccolti da un questionario con possibilità di scelta multipla e soprattutto la quantità di commenti
spontanei che ha riempito la casella “altro”, dove ciascuno poteva aggiungere le proprie personali motivazioni.
Ecco quindi i dati.
L’italiano è la lingua più musicale del mondo(95) associata al Paese con il più alto patrimonio artistico e culturale (102) , Paese
dove si è andati o si vorrebbe andare in vacanza e parlare con la gente del posto (97), godere del buon vino e della buona
cucina (88). Tra i prodotti culturali, destano sempre grande attrattiva la lirica, la moda e il design (55).
Non sorprenderà quindi che molti vorrebbero studiare in Italia (54) o magari spenderci i tranquilli anni della pensione (4), mentre
sono ancora pochi quelli che devono trasferirsi in Italia per lavoro (8).
Non mancano ragioni affettive; quelli che riscoprono la lingua dei nonni o dei genitori (31) o che semplicemente hanno un partner
italiano (8).
Tra le molteplici motivazioni spontanee, emerge senz’altro l’uso di superlativi legati al piacere e alla bellezza.
Una lingua, l’italiano, che si conferma “lingua di piacere”, lingua del “cuore”, “dell’amore e della passione”, una lingua-stato
d’animo, lingua/paese che fa sentire felici :”I feel I am Italian deep down in my soul”, o aiuta a star meglio:”learning italian has
helped me pass through some of the toughest moments of my life”.
Indiscutibile il fascino del passato ma anche di un presente e di un popolo a cui si desidera appartenere attraverso lo studio
della lingua italiana: “perché vorrei creare una famiglia con un italiano” o addirittura una lingua come tappa dell’esistenza :“I don’t
want to die before learning the most beautiful language in the world”!
In sintesi, per molti l’italiano è associato all’Italia e quest’ultima è vista come la sede del buono e del bello, come riassume un
commento, scelto fra i tanti:
“Italia per me è sinonimo di tutto quello che è bello nel mondo"
 
È la lingua più musicale del mondo – 95
È la lingua del paese con il più alto patrimonio artistico e
culturale – 102
Per andare in vacanza e parlare con la gente del posto – 97
È la lingua della lirica, della moda e del design – 55
È la lingua del buon vino e della buona cucina – 88
È la lingua dei miei nonni o dei miei genitori – 31
Devo trasferirmi a lavorare in Italia – 8
Il mio partner è italiano – 8
Voglio studiare in Italia – 54
Sono pensionato e voglio trasferirmi in Italia - 4